Cosa ti aspetta nel 2020? Creiamo insieme la Tua Vision Board!

 

Siamo ancora in gennaio e il piacere d’immaginare e trascrivere i propri desideri, obiettivi e progetti è ancora forte. Hai mai sentito parlare di una Vision Board? Molto brevemente è uno spazio sacro, in cui siamo liberi/-e di incollare immagini, frasi, ritagli di giornale con uno scopo semplice: “visualizzare il nostro futuro”.
Quest’anno anch’io ho preferito la più creativa Vision Board al rigido e strutturato Action Plan. E, allora, tuffiamoci insieme in questo spazio: come si genera una Vision Board?

Ecco i punti essenziali:

  1. Scegli uno spazio ed un tempo creativi.
  2. L’obiettivo dell’attività è capire e rappresentare il tuo futuro, ad esempio le cose che vuoi raggiungere nell’anno appena iniziato.
  3. Individua il supporto giusto (spazio sacro).
  4. Scegli come procedere seguendo le modalità più stimolanti per Te, quelle che ti aiutano a “vedere”/ immaginare, e lascia fluire il pensiero senza contenerlo.
  5. Trova il senso e prioritizza.
  6. Crea la tua Vision Board.

Il punto 1 è semplice, non devo spiegarti nulla, devi solo trovare un po’ di tempo (almeno 60 minuti) e uno spazio tranquillo dove non sarai interrotta.

Il punto 2 consiste nell’acquisire consapevolezza circa l’obiettivo dell’attività che ti accingi a fare, che è quello di creare una mappa visiva che parli di Te e di ciò che vuoi ottenere nell’anno che ti aspetta (mi riferisco ad interessi, passioni, progetti, lavori, ecc.). Riordina le idee ed i pensieri. La domanda che puoi farti a supporto è questa: cosa conterrà il mio 2020?

Il punto 3 è semplice come il primo. Potrai ricorrere a vari supporti: un foglio, un cartoncino bristol, una bacheca di sughero, una tela!

Il punto 4 si riferisce alle modalità operative con cui potrai procedere. Potrai usare immagini, simboli, colori, basta che siano evocativi delle tue aspirazioni, di ciò che vuoi realizzare. Il mio consiglio è di ricorrere a quelle che stimolano di più la tua creatività ed il flusso immaginativo (ovviamente, dipenderà anche dal supporto che avrai scelto).

Alcuni suggerimenti pratici:

  • puoi usare delle riviste, sfogliarle e ritagliarle
  • puoi ricercare immagini sul web e poi stamparle
  • puoi usare delle vecchie cartoline
  • puoi fotografare qualcosa e poi usarla
  • puoi disegnare

Trova tu ciò che va bene per Te…

Raccogli il materiale che ti servirà per la Board.

Il punto 5 è il più complesso. Dopo il lavoro creativo, devi attivare la tua capacità di sintesi e focalizzazione delle cose che sono realmente importanti e prioritarie per Te, ossia quelle che dovranno far parte della tua Vision Board.
Ascoltati. Cosa davvero non deve mancare nel tuo 2020? Ricorda di non riempire troppo la composizione, che dovrà in primo luogo essere sostenibile per Te. Valuta bene le tue priorità e preserva l’equilibrio fra queste ed il lavoro. Fra queste e le richieste che provengono dall’esterno.

Con il punto 6…è arrivato il momento di creare la tua Vision Board!
Metti su carta, bacheca, tela….il tuo duemilaventi! Muoviti intorno alla Board e non aver paura di aggiungere nuovi elementi, colori alla composizione. Quando avrai finito, ricorda di trovare un posto dove potrai posizionarla e custodirla. Nei mesi a venire, potrà essere importante per Te visualizzare i propositi, desideri, obiettivi con cui avevi cominciato questo nuovo anno!
 

Buon lavoro!

 

 

Laura Cavaldesi
Life, Business & Corporate Coach